Laboratori didattici e visite guidate 2010
 

 Tàpies e l’invito al gioco

Quando guardate non pensate mai quello che il quadro (o qualsiasi altra cosa al mondo) “dovrebbe essere” o quello che parecchie persone vorrebbero solo che fosse. Il quadro può essere qualsiasi cosa. [...] Può essere quello che siamo, quello che è oggi, ora, quello che sarà sempre.
Vi invito a giocare, a guardare con attenzione … Vi invito a pensare
 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Antoni Tàpies

Le terre, le sabbie e i segni impressi sulle opere di Tàpies creano un universo tattile che offre uno spazio alternativo dove stimolare la fantasia dei bambini e dei ragazzi. A questo speciale pubblico sono dedicate le iniziative didattiche che il MARCA ha pensato in occasione dell’esposizione, forte dell’attenzione che lo stesso artista ha da sempre rivolto al gioco come modo di osservare in profondità ciò che ci circonda. «Ma giocare non significa fare le cose “così”, tanto per farle» – racconta Tàpies - «e gli artisti, non più dei bambini nei loro giochi, non fanne le cose “così”». Le opere in mostra invitano a “imparare a guardare” con una nuova consapevolezza di quanto profondo sia il legame tra forma e contenuto e di come l’artista possa conferire agli oggetti, trasformandoli, «una sorta di magia speciale».


Destinatari: allievi delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado
Durata dell’incontro propedeutico a scuola: 1 ora
Durata visita + laboratori: 2-3 ore 



Caccia al tesoro  

Visita animata all’interno della collezione permanente con l’intento di imparare a osservare e descrivere segni, forme e colori, educando l’occhio al riconoscimento dei soggetti figurativi e alla narrazione della storia.

 L’autoritratto ed il ritratto

Il laboratorio si articola in due temi: nell’Autoritratto in veste di … i ragazzi sperimentano la percezione di sé e degli altri mediante la realizzazione di divertenti autoritratti in chiave storica, rielaborando le opere della collezione permanente del museo; nel laboratorio Sfida di ritratti l’occasione del confronto stimola la capacità di riflettere e indagare la realtà circostante, sperimentando le diverse rese dei materiali, le tecniche e gli effetti di luce e ombra.

Destinatari: allievi delle scuole primarie, secondarie di primo grado
Durata visita + laboratori: 2-3 ore

Visite guidate

Le visite guidate per le scuole secondarie di secondo grado hanno l'obiettivo di favorire un approccio più qualificato nei confronti dei linguaggi figurativi e del sistema dell'arte contemporanea attraverso un'analisi delle esposizioni temporanee e della collezione permanente.
Gli studenti saranno coinvolti, con l'aiuto di test d'ingresso e d'uscita, nelle riflessioni sulla conoscenza di un museo e del suo funzionamento, riflettendo sul ruolo stesso dell'istituzione.
Le classi che vorrano rendere continuativa questa esperienza con il MARCA potranno essere coinvolte in una serie di incontri dedicati ai giovani e agli insegnanti, mirati alla conoscenza del ruolo del museo sul territorio ed alla sua organizzazione, all'incontro con artisti, a conferenze sull'arte contemporanea. 

Destinatari: allievi delle scuole secondarie di secondo grado


Attività per il pubblico adulto e le famiglie
Visite guidate, percorsi e approfondimenti sui contenuti della collezione permanente e delle mostre temporanee con personale specializzato.
Le visite hanno la durata di circa 2 ore.

Domeniche al Museo: un percorso speciale dedicato alle famiglie, alla scoperta delle opere più significative esposte nel museo. La visita ha la durata di 1 ora e 30 minuti.

Prenotazione obbligatoria

Per informazioni:
Servizi alla didattica
tel: 0961.84723
info@museomarca.com

       

 


Galleria fotografica

 


Galleria fotografica 
Mostra conclusiva
 "Lo Scrigno dei Colori"

 

 


ARCHIVIO 2009